MPS

Mutuo al 100%

Mps mutuo MIO 100%: richiesta, info e requisiti

Mutuo MIO e CONSAP per un mutuo 100% con Monte dei paschi di Siena

Se sei alla ricerca di un finanziamento che copra al 100% i costi per l’acquisto o la ristrutturazione di una casa, Mutuo MPS 100% potrebbe essere la soluzione che fa per te.

La storica banca, infatti, è tra gli istituti di credito che ha aderito al Fondo Prima Casa CONSAP, un fondo di garanzia, istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze con la Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1 comma 48 lett. c, gestito da Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici, una società per azioni dipendente totalmente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Monte dei Paschi di Siena è ad oggi la banca con attività più longeva al mondo. Operante dal 1472, dispone di oltre 2100 sportelli distribuiti su tutto il territorio nazionale e di un’ampia gamma di prodotti per rispondere alle esigenze dei suoi clienti.

Per far fronte al mutato scenario economico e sociale, infatti, ha adottato una serie di soluzioni vantaggiose per quanto concerne i mutui con diverse proposte per l’acquisto o la ristrutturazione della casa, soprattutto in favore di giovani coppie e famiglie.

In quest’articolo cercheremo di capire come è possibile ottenere un Mutuo MIO ACQUISTO al 100% MPS attraverso il Fondo di Garanzia Prima Casa di CONSAP, la soluzione ideale per consentire ai giovani e a chi ne ha bisogno di accedere ad un finanziamento per l’acquisto della prima casa.

Cancellazione ipoteca legge Bersani

Mutuo CONSAP 100% MPS

Prima di vedere nel dettaglio in cosa consiste il Mutuo Consap 100% di MPS è necessario spendere qualche parola sul Fondo Prima Casa CONSAP.

Secondo quanto previsto dal Testo Unico Bancario (T.U.B.), le banche possono concedere mutui di importo pari, al massimo, all’80% del minore tra il valore di mercato della casa e quello desumibile da una perizia di stima effettuata da parte di un tecnico nominato dall’istituto di credito. Ciò significa che il restante 20% dovrà essere versato dal richiedente. Molte banche, tuttavia, si appoggiano a consorzi, fondi pubblici o società interne che concedono garanzie sussidiarie, riuscendo a erogare un mutuo pari al 100% del valore dell’immobile che si intende acquistare.

Una tipologia di fondo pubblico è il Fondo Prima Casa attraverso il quale CONSAP dispone una garanzia del 50%  sulla quota capitale a favore ‘’tutti i cittadini che, alla data di presentazione della domanda di mutuo per l’acquisto della prima casa, non siano proprietari di altri immobili a uso abitativo (anche all’estero) salvo il caso in cui il mutuatario abbia acquisito la proprietà per successione causa morte, anche in comunione con altro successore, e che siano ceduti in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli’’’.

Si tratta, dunque, di una garanzia sussidiaria che da un lato incentiva l’accesso al credito a chiunque ne faccia richiesta, dall’altro consente alle banche di erogare mutui al 100%.

Con l’entrata in vigore del D.L. 25 maggio 2021 n. 73 (meglio noto come Decreto Sostegni-bis) il Governo ha apportato alcune modifiche significative al Fondo. Prima tra tutte è stata riconosciuta la priorità ad alcune categorie svantaggiate a cui la garanzia concedibile del fondo è elevata fino all’80% della quota capitale. Le categorie in questione comprendono:

  • Coppie coniugate ovvero conviventi more uxorio da almeno due anni, in cui almeno uno dei componenti non abbia superato i trentacinque anni.
  • Famiglia monogenitoriale con figli minori, il mutuo è richiesto da: persona singola non coniugata, né convivente con l’altro genitore di nessuno dei propri figli minori con sé conviventi o p
  • persona separata/divorziata ovvero vedova, convivente con almeno un proprio figlio minore
  • giovani che non abbiano compiuto trentasei anni
  • conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari, o comunque denominati

È chiaro non basta appartenere ad una di queste categorie per accedere al Fondo. Nel Decreto, infatti, sono stati inseriti ulteriori requisiti, tra cui:

  • la presentazione di un’attestazione ISEE non superiore ai 40000€ annui (un ISEE superiore non preclude di certo la possibilità di accedere al Fondo, ma la garanzia resta al 50% della quota capitale);
  • l’ammontare del finanziamento non deve essere superiore ai 250000€;
  • il finanziamento deve essere finalizzato:
    • All’acquisto di immobili da adibire ad abitazione principale;
    • All’acquisto con interventi di ristrutturazione e accrescimento dell’efficienza energetica di immobili adibiti ad abitazione principale (esclusi categorie catastali A1, A8, A9 o con caratteristiche di lusso), non proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli di cui il mutuatario abbia acquisito la proprietà per successione a causa di morte, anche in comunione con l’altro successore, e che siano in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

Come si richiede la garanzia del Fondo?

La pratica da seguire è molto semplice: è sufficiente compilare un modulo scaricabile dai siti del MEF o di CONSAP o compilabile in banca e allegarlo ai fascicoli del mutuo. Sarà MPS a trasmetterla a CONSAP e, una volta accettata, la banca può concedere il mutuo senza ulteriori garanzie da parte del richiedente.

Questo è tutto ciò che c’è da sapere riguardo il Fondo Prima Casa CONSAP con MPS.

In sintesi, dunque, possiamo dire che stipulare un contratto di Mutuo MPS 100% CONSAP rappresenta un’occasione per ricevere un mutuo, anche nei casi in cui di norma una banca non lo concederebbe, senza l’onere dell’anticipo iniziale e, per le categorie prioritarie, l’esenzione da imposte ipotecarie, catastale e di registro, ove previste.

Per concludere, quello che abbiamo voluto far capire è che questo non è un mutuo MPS 100% finanziato dall’istituto, che invece eroga, come di norma, finanziamenti di importo all’80% della quota capitale. Per ottenere un mutuo al 100% in Monte dei Paschi di Siena è necessario ricorrere ad una fonte sussidiaria esterna che, in questo caso, è rappresentata da CONSAP.

Il rigetto della richiesta del Fondo, comunque, non va ad inficiare la domanda di mutuo, che può essere erogato nella misura dell’80% del valore dell’immobile. In quest’ultimo caso, sempre per venire incontro alle esigenze dei suoi clienti, Monte dei Paschi ha studiato soluzioni davvero vantaggiose per quanto riguarda i tassi di interesse. Di questo, però, parleremo in seguito.

Simulazione mutuo

Scopri subito i tassi d’interesse e i preventivi di varie banche a confronto, così da scegliere quella migliore al momento per un mutuo fatto su misura per te.

Mutuo 100 per cento

Monte dei Paschi mutuo 100%: Mutuo MIO

Ottenere un mutuo 100% in MPS grazie all’offerta MUTUO MPS MIO ACQUISTO.

Tuttavia, visitando la pagina dedicata al MUTUO MPS MIO ACQUISTO con Garanzia CONSAP sul sito di MPS noterai che questo viene definito ‘’un mutuo ipotecario a medio e lungo termine, destinato all’acquisto o all’acquisto e interventi di ristrutturazione e accrescimento dell’efficienza energetica per immobili adibiti ad abitazione principale, che finanzia fino al 80% del valore dell’immobile’’.

Una definizione che lascia perplessi, soprattutto ora che ci è più chiaro il significato di espressioni come ‘’garanzia CONSAP’’ e ‘’Mutuo 100%’’.

In effetti, c’è bisogno di un chiarimento.

Nel paragrafo precedente abbiamo trattato la possibilità di richiedere un mutuo per l’acquisto o l’acquisto e ristrutturazione della casa presso Monte dei Paschi di Siena supportato dalla garanzia statale CONSAP.

In questo caso, invece, sembra si tratti di un credito immobiliare offerto ai clienti da MPS, erogato, come di norma, all’80% garantito da ipoteca immobiliare di I° grado (l’iscrizione ipotecaria è pari al doppio del valore concesso) e assistito da ulteriori garanzie e assicurazioni (a questo proposito, è possibile stipulare una polizza di AXA MPS Assicurazioni Danni denominata Mutuo Coperto Incendio Casa contro il rischio di incendio e scoppio).

In realtà è prevista la possibilità che il mutuo sia garantito dal Fondo Prima Casa Consap concesso esclusivamente per finanziare, come abbiamo già visto, l’acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale; per l’acquisto con interventi di ristrutturazione e accrescimento dell’efficienza energetica di immobili adibiti ad abitazione principale (esclusi categorie catastali A1, A8, A9 o con caratteristiche di lusso), non proprietari di altri immobili ad uso abitativo.

La priorità viene sempre riconosciuta a: giovani under 36; coppia coniugata ovvero convivente more uxorio da almeno due anni, in cui almeno uno dei componenti non abbia superato i trentacinque anni; famiglia monogenitoriale con almeno un figlio minore; conduttori di alloggi popolari.

In più, l’importo massimo finanziabile non potrà eccedere il 100% del valore cauzionale dell’immobile offerto in garanzia per un importo massimo di 250000€.

Monte dei Paschi di Siena mutuo 100%: tassi e calcolo rata

Trattandosi pur sempre di un credito erogato, come tale deve essere restituito.

Il cliente rimborsa il credito con il pagamento periodico di rate (comprensive di capitale e interessi) secondo un tasso che può essere fisso o variabile. Le rate possono essere mensili, trimestrali, semestrali o annuali.

In che modo il tasso d’interesse influisce sul costo del nostro mutuo? A fare la differenza è la variabilità o meno di questo, determinata in sede di stipulazione del mutuo.

Per semplificare, in caso di finanziamento a:

  • tasso fisso, l’importo e il tasso delle singole rate rimangono fissi per tutta la durata del mutuo. Lo svantaggio è che, in caso di riduzione dei tassi di mercato, non se ne potrà beneficiare.
  • tasso variabile l’importo può variare con cadenza prestabilita secondo l’andamento dell’indice di riferimento fissato in contratto, determinando conseguenti aumenti o decrementi dell’importo delle rate. Il rischio è determinato da un possibile ’aumento, imprevedibile e consistente, dell’importo delle rate

Accennavamo in precedenza al fatto che nel caso di un mutuo all’80% anziché al 100 i tassi di interesse fissati da MPS possono risultare più vantaggiosi. Proviamo a mettere a confronto i tassi d’interesse fisso di un mutuo MPS 100% con quelli di un mutuo MPS all’80%

Tasso Fisso Mutuo MPS 100%

Durata fino a 10 anni: + 3,10%;

Durata fino a 15 anni: + 3,20%;

Durata fino a 20 anni: + 3,30%;

Durata fino a 25 anni: + 3,30%;

Tasso fisso Mutuo MPS 80%

Durata fino a 10 anni: + 1,15%;

Durata fino a 15 anni: + 1,20%;

Durata fino a 20 anni: + 1,25%;

Durata fino a 25 anni: + 1,30%;

Durata fino a 30 anni: + 1,45%.

La differenza è notevole. Questo significa che, in fin dei conti, un classico mutuo all’80% in MPS è più conveniente rispetto ad un Mutuo con garanzia CONSAP? Rispondere a questa domanda non è semplice, in quanto bisogna valutare tutte le possibilità e tutti i vantaggi che offrono l’una o l’altra soluzione.

Puoi, però, provare a simulare il tuo mutuo e calcolare in autonomia la tua rata QUI. In ogni caso puoi sempre ricorrere alla nostra consulenza.

Requisiti necessari, documentazione e informazioni

Per presentare domanda di mutuo a Monte dei Paschi di Siena non sono necessari molti requisiti, se non la garanzia necessaria per ottenere il finanziamento.Mutuo MIO mps 100%

Diverso è il discorso se si vuole accedere ad un Mutuo MIO ACQUISTO con garanzia CONSAP. Abbiamo visto nei paragrafi precedenti che la normativa subordina l’ottenimento del Fondo di Garanzia (e dunque la copertura al 100% del finanziamento) al possesso di alcuni requisiti. Li elenchiamo di seguito ancora una volta:

  • il finanziamento deve essere destinato all’acquisto di un immobile da adibire a prima abitazione; del valore massimo di 250000€; non di lusso e fuori dalle categorie catastali di tipo A1, A8, A9;
  • Priorità riconosciuta a beneficiari c.d. prioritari quali: giovani under 36; coppia coniugata ovvero convivente more uxorio da almeno due anni, in cui almeno uno dei componenti non abbia superato i trentacinque anni; famiglia monogenitoriale con almeno un figlio minore; conduttori di alloggi popolari

Il credito non può essere concesso se il cliente non fornisce le informazioni e i documenti richiesti:

  • copia del documento di identità
  • stato civile e reddito familiare
  • copia del permesso di soggiorno se si è cittadini extracomunitari
  • attestazione ISEE non superiore a 40000€ annui
  • Tipologia contratto di lavoro (a tempo determinato o indeterminato). Ricordiamo a tal proposito che, in base alla nuova normativa, per il richiedente rientrante in una delle categorie prioritarie non rileva essere titolari di un contratto di lavoro atipico.
  • altri redditi non derivanti da lavoro.

È importante tenere presente che la richiesta per accedere al Fondo Garanzia deve essere compilata su un apposito modulo (scaricabile dai siti del MEF e CONSAP o recuperabile in banca) da presentare insieme alla documentazione del mutuo direttamente alla banca e non a CONSAP. Per tutta la durata della pratica, infatti, il tuo referente sarà sempre Monte dei Paschi.

Opinioni e recensioni su Mutuo 100% CONSAP e Mutuo MIO

Abbiamo cercato di delineare quelle che sono le caratteristiche, i vantaggi e tutto ciò che c’è da sapere su Mutuo 100% CONSAP e Mutuo MIO MPS.

In questi ultimi due anni è cresciuta notevolmente la richiesta in Monte dei Paschi di mutui 100%, vuoi per effetto della situazione socioeconomica conseguente la Pandemia, vuoi perché l’istituto ha saputo adattare le proprie offerte alle esigenze dei propri clienti, grazie anche agli interventi del Governo che ha finanziato il Fondo anche per il 2022.

Per concludere, quindi vogliamo condividere le opinioni su Mutuo 100% CONSAP e MIO

da parte di chi si ha scelto MPS.

La maggior parte dei clienti si ritiene soddisfatto del notevole risparmio ottenuto scegliendo di stipulare un mutuo al 100% definendo ottimo anche il supporto ricevuto dalla banca in fase di gestione della pratica. Alcuni lamentano le lunghe tempistiche, ma bisogna considerare che l’intero iter (dalla domanda all’accettazione, passando per la trasmissione della richiesta di accesso al Fondo tra CONSAP e banca) si risolve all’incirca nell’arco di 4 mesi.

Fiducia nella banca, ottimi servizi e grandi risparmi sono gli elementi che rendono MPS un istituto affidabile a cui rivolgersi se si sta pensando di acquistare una casa. Un istituto storico che ad oggi continua ancora a soddisfare una vasta rete di clienti.

Hai dubbi o vorresti maggiori informazioni?

Sappiamo quanto possa essere difficile destreggiarsi in questo groviglio di pratiche, tassi di interesse, documenti; per questo la consulenza da parte di esperti del settore è la soluzione migliore a cui affidarsi. Scrivici e descrivi la tua situazione o i tuoi dubbi. Ti aiuteremo noi a trovare la soluzione più vantaggiosa.

Requisiti necessari e documentazione

Giunti a questo punto, non basta essere convinti di aderire all’offerta proposta dal mutuo 100% Intesa San Paolo, ma bisogna avere anche la certezza di possedere tutti i requisiti necessari per poterlo ottenere.

Questi sono quelli da considerare come requisiti fondamentali per poter richiedere il mutuo al 100% di Intesa San Paolo con le garanzie statali CONSAP:

  • Età compresa tra i 18 e i 35 anni, al momento della firma del contratto
  • Risiedere sul suolo italiano e acquistare l’immobile in Italia
  • La durata del mutuo non può superare il raggiungimento dei 75 anni del contraente

Anche l’immobile da acquistare richiede determinati requisiti, in particolare:

  • Deve necessariamente essere una prima casa
  • Non deve possedere incongruenze urbanistiche e catastali
  • Deve essere accatastato come abitazione
  • La perizia della banca deve essere regolare

Infine, ci sono ovviamente anche dei requisiti finanziari da dover sostenere, oltre alla documentazione da fornire alla banca per dimostrare i propri redditi. In particolare, i requisiti e la documentazione sono i seguenti:

  • Reddito costante e continuativo (p.iva da almeno 5 anni o contratto a tempo indeterminato con periodo di prova superato)
  • La rata di mutui non deve superare all’incirca il 30% del guadagno mensile netto

Il tutto, dimostrabile con la seguente documentazione:

  • Ultime tre buste paga
  • 730 dell’ultimo anno, insieme alla Certificazione Unica del lavoro
  • Estratto conto trimestrale ufficiale della banca
  • Saldo del conto corrente
  • Dichiarazione di eventuali prestiti e finanziamenti in corso
  • Lista movimenti degli ultimi 60 giorni in fase di presentazione richiesta
  • Codice fiscale
  • Carta d’identità
  • Certificato unico di residenza, stato di famiglia e anagrafico

Non è escluso che, dopo aver esaminato con attenzione questi, la banca non richieda di fornire una ulteriore documentazione.

Infine, se si richiede un mutuo per una casa sulla quale è già stata effettuata una proposta, senza dubbio verranno richiesti dalla banca (per verificare la conformità dell’immobile) anche i seguenti documenti:

  • Proposta scritta di acquisto, accettata dal proprietario dell’immobile da acquistare
  • Fotocopia dell’assegno utilizzato per la proposta
  • Planimetria catastale aggiornata
  • Rendita catastale

Insomma, come avrete capito, prima di richiedere un mutuo al 100%, senza dubbio sarà opportuno recuperare tutta questa documentazione, che in ogni caso verrà richiesta dettagliatamente dalla banca stessa.

Intesa San Paolo e CONSAP per mutui 100%

 Esistono alcune categorie di persone che potrebbero essere ritenute non idonee all’accensione di un mutuo che possono comunque aderire all’iniziativa e, finalmente, realizzare il sogno di acquistare la propria prima casa. Come?

Intesa San Paolo ha pensato proprio a tutti e dunque si appoggia al CONSAP (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici).Monte paschi di siena mutuo 100 per cento

Il CONSAP è la società istituita dal Ministero dell’economia che, per il versante “casa”, ha istituito un Fondo di solidarietà destinato proprio ai mutui, sul quale si appoggia appunto la garanzia del mutuo DOMUS di Intesa San Paolo per i finanziamenti fino al 100%.

Molto semplicemente, grazie a questo fondo, è proprio lo Stato italiano a garantire per la fascia di popolazione più fragile dal punto di vista della stabilità finanziaria quel 20% richiesto dalle banche come “acconto” di mutuo.

Per questo finanziamento a tasso agevolato c’è da aggiungere che i richiedenti in fase di presentazione di richiesta del mutuo, devono dimostrare un ISEE inferiore a 30mila euro, così da ottenere un tasso agevolato, rispetto a quelli indicati nel Mutuo DOMUS di Intesa San Paolo, ottenendo comunque sia un 100% dell’importo di acquisto.

Trattandosi di un fondo statale ha le sue regole specifiche, perché vi si appoggiano diversi istituti di credito e non solo Intesa San Paolo e dunque è importante comprendere che, se coloro che vi faranno richiesta vogliono davvero essere tenuti in considerazione, dovranno puntare all’acquisto di un’mmobile che non superi i 250 mila euro e che non appartenga ad una categoria catastale considerata di lusso. Non è escluso, comunque sia, che seppur Intesa San Paolo non finanzi mutui sopra i 250-300.000, altri istituti bancari potrebbero farlo, motivo per il quale vi consigliamo comunque sia di fare una simulazione online del mutuo, così da ottenere un primo riscontro e individuare la banca che potrebbe fare al caso vostro, magari chiedendo anche un primo appuntamento per verificarne la fattibilità e comprendere come procedere. Vi ricordiamo che non è obbligatorio aver già fatto una proposta di acquisto per potervi informare tramite un istituto bancario di ciò che è possibile sulla base della vostra situazione finanziaria.

>>> CLICCA QUI per simulare il costo del tuo mutuo online, in pochi secondi <<<