ING Direct

Mutuo al 100%

Mutuo ING Direct al 100% 2022: interessi, requisiti e richiesta online

Come richiedere un mutuo al 100% con ING Direct? Si può?

Quello in cui si effettua l’acquisto di una casa è sicuramente uno dei momenti più importanti nella vita di una persona. Al di là del valore dell’abitazione stessa, che può essere considerata come il bene materiale più importante, l’importanza viene rilevata anche a livello economico: comprare casa significa andare incontro ad una spesa non indifferente. Per far fronte al grande esborso si ricorre solitamente a specifici finanziamenti, i mutui. In questa pagina cercheremo di capire se è possibile ottenere nel 2022 un mutuo ING Direct al 100% del valore: vediamo quali sono le opzioni messe a disposizione dalla banca, quali requisiti bisogna avere per richiedere il finanziamento (anche online) e quali sono gli interessi e le altre condizioni applicate dall’istituto di credito.

Mutuo ING 100%

ING Direct mutuo 100% 2022: si può richiedere?

Prima di approfondire il discorso relativo alle proposte di ING Direct è necessario fare una premessa: difficilmente le banche erogano finanziamenti che coprano per intero il costo della casa che si intende acquistare. Nella maggior parte dei casi, infatti, l’importo concesso non supera l’80% del valore dell’immobile. Ma a quale valore si fa riferimento? Quando ricevono una richiesta di mutuo, gli istituti di credito inviano un tecnico che tramite perizia che, con una sua stima, stabilisce quanto vale secondo lui (e quindi secondo la banca) quell’immobile. Può capitare che la stima del perito ed il prezzo di acquisto concordato tra compratore e venditore non coincidano. Anzi, in alcuni casi tra i due importi c’è una differenza importante.

In situazioni di questo tipo, come abbiamo ampiamente spiegato nel nostro articolo sui mutui al 100% calcolati sulla perizia dell’immobile, questa discrepanza può tornare utile al richiedente. Infatti, nel caso in cui la banca calcoli la percentuale sul valore stabilito con la perizia e se questo risultasse superiore al prezzo di acquisto, l’importo concesso potrebbe anche arrivare fino al 100%. Detta così potrebbe sembrare complicata, ma non lo è affatto: forse con un esempio tutto può diventare più chiaro. Supponiamo di voler acquistare una casa al prezzo di 120.000 euro e che per pagarla si richieda un mutuo; la banca eroga importi fino all’80% del valore dell’immobile stabilito dal perito. Se la stima del tecnico è di 150.000 euro, la banca eroga un finanziamento pari a 120.000 euro (l’80% di 150.000), che è il 100% del prezzo di acquisto.

Ma questo escamotage può essere utilizzato per ottenere un mutuo ING Direct al 100%? Per avere maggior informazioni sulle proposte della famosa banca puoi contattarci tramite la nostra landing page. Un’altra opzione per ottenere finanziamenti che coprano per intero il costo della casa è rappresentata dai cosiddetti mutui CONSAP, che permettono di ricevere importi più alti grazie alla garanzia pubblica del Fondo Prima Casa (anche se solitamente on tassi di interesse leggermente più elevati rispetto a quelli “normali”). Attenzione, però: non tutte le banche hanno aderito al Fondo. Vediamo qual è la posizione assunta da ING Direct.

ING Direct e CONSAP per mutui al 100%

Il CONSAP, Concessionaria per i servizi assicurativi pubblici, è un’azienda privata controllata dal Ministero dell’Economia e della Finanza e che in qualche modo può essere considerato come l’erede dell’INA. Tra i vari compiti della concessionaria, che si occupa principalmente della gestione dei servizi assicurativi di rilievo pubblico, c’è anche quello di gestire il Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa, meglio conosciuto come Fondo Prima Casa. Il Fondo è nato con l’obiettivo di rendere più semplice il rapporto tra i cittadini e le banche per quanto riguarda i finanziamenti richiesti per l’acquisto della prima casa. In pratica, inoltrando un’apposita domanda tramite le banche  aderenti, è possibile accedere ad una garanzia pubblica. La presenza di tale garanzia permette di accedere più facilmente al finanziamento, ma aumenta anche le possibilità di ottenere importi che vadano oltre al canonico 80% del valore dell’immobile. Questa parentesi era doverosa per dare una panoramica completa di quello che è l’attuale mondo mutui, ma bisogna dire che attualmente ING Direct non eroga mutui CONSAP al 100%. Addirittura, nello spazio del sito ufficiale della banca riservato alla community c’è il messaggio di un utente che afferma “sarebbe bello se ING Direct facesse una convenzione con CONSAP per il mutuo al 100 come hanno fatto altre banche”, ma la risposta ufficiale rilasciata dall’istituto non lascia molti dubbi sulla posizione di ING Direct: “al momento questo tipo di sviluppo non rientra nei nostri piani”.

Simulazione mutuo

Scopri subito i tassi d’interesse e i preventivi di varie banche a confronto, così da scegliere quella migliore al momento per un mutuo fatto su misura per te.

Mutuo ING Direct 100%

Mutuo ING 80% su valore perizia o su acquisto?

Riepilogando quanto detto nei paragrafi precedenti, si può quindi dire che nel 2022 non è possibile ottenere un mutuo ING Direct al 100% né sfruttando l’eventuale discrepanza tra il prezzo di acquisto ed il valore stabilito dalla perizia, né tramite la garanzia pubblica del Fondo Prima Casa gestita dal CONSAP. A questo punto la domanda nasce spontanea: qual è l’importo massimo che si può ottenere con un mutuo ING Direct? La risposta è: dipende dalla finalità del finanziamento, infatti:

  • per i mutui richiesti per ristrutturazione o liquidità è prevista l’erogazione di importi fino all’80% del valore dell’immobile ipotecato (la percentuale scende al 60% se il richiedente è un lavoratore autonomo, un professionista o un imprenditore); la somma minima erogabile è pari a 50.000 euro, mentre quella massima è pari a 500.000 euro. Le stesse condizioni sono previste anche per i mutui con finalità di rifinanziamento, ma in questo caso la somma concessa non può essere inferiore al debito residuo del mutuo sostituito;
  • per i mutui richiesti per sostituzione e surroga è prevista l’erogazione di importi fino all’80% del valore dell’immobile ipotecato; la somma minima erogabile è pari a 80.000 euro, mentre quella massima è pari a 500.000 euro per la seconda casa e a 2.000.000 di euro per le prima casa; nel caso in cui si scelga l’opzione a tasso fisso, l’importo massimo erogabile ammonta a 500.000 euro;
  • per i mutui richiesti per l’acquisto della seconda casa è prevista l’erogazione di importi fino all’80% del valore dell’immobile ipotecato; la somma minima erogabile è pari a 50.000 euro, mentre quella massima a 500.000;
  • per i mutui richiesti per l’acquisto della prima casa (che in fondo è l’opzione che più ci interessa in questo caso) è prevista l’erogazione di importi fino al 95% del valore dell’immobile ipotecato; la somma minima erogabile è pari a 50.000 euro, mentre quella massima è pari a 2.000.000 euro (il limite massimo si ferma a 500.000 euro se si opta per il tasso fisso).

Il valore su cui viene applicata la percentuale loan to value è il più basso tra il prezzo di acquisto stabilito tra compratore e venditore ed il valore stabilito con la perizia.

Requisiti finanziari e parametri di valutazione

Sul foglio informativo del mutuo ING Direct si legge che il finanziamento può essere concesso solo alle persone fisiche che risiedono in Italia e che percepiscono un reddito in euro. Mutuo conto arancio al 100%Come abbiamo visto, il mutuo può essere richiesto per diverse finalità: acquisto, sostituzione, surroga, rifinanziamento, liquidità o ristrutturazione. Per ottenere fino al 95% del valore della casa è necessario che si tratti di un immobile ad uso abitativo o residenziale situato sul territorio nazionale e che sia adibito a prima casa. Per la concessione del mutuo è necessaria l’iscrizione di un’ipoteca di primo grado per un valore che ammonta al doppio dell’importo erogato.

I costi principali a cui va incontro il mutuatario, oltre agli interessi di cui parleremo nel prossimo paragrafo, sono rappresentati dall’istruttoria, che ammonta a 750 euro per i finanziamenti finalizzati all’acquisto, dalla perizia (250 euro) e dall’imposta sostitutiva (0,25% dell’importo finanziato per l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa). Il piano di rimborso può avere una durata che va dai 10 ai 30 anni, il pagamento delle rate avviene con cadenza mensile ed il loro importo è costante nel tempo. Se non emergono problemi e se la banca non ritiene necessaria l’integrazione alla documentazione presentata, l’istruttoria ha una durata di 60 giorni. Le somme concesse vengono erogate contestualmente alla stipula dell’atto notarile.

Tasso d’interesse per mutuo 100% con ING Direct

Il mutuo ING Direct è disponibile in diverse versioni:

  • Tasso Fisso, pari all’Euris a 10, 15, 20, 25 o 30 anni (in relazione alla durata del finanziamento) maggiorato di uno spread; nell’esempio riportato sul foglio informativo che fa riferimento ad un mutuo da 100.000 euro per l’acquisto di una casa con LTV 50% da rimborsare in 30 anni, il tasso di interesse applicato è pari al 2,41%;
  • Tasso Fisso 5 Rinegoziabile, che è pari all’Euris 5 anni più spread per i primi cinque anni, al termine dei quali il mutuatario può scegliere se mantenere il tasso fisso (che viene aggiornato) oppure al tasso variabile;
  • Tasso Fisso 10 Rinegoziabile, che è pari all’Euris 10 anni più spread per i primi cinque anni, al termine dei quali il mutuatario può scegliere se mantenere il tasso fisso (che viene aggiornato) oppure al tasso variabile;
  • Tasso Variabile Euribor, che è indicizzato all’Euribor a tre mesi a cui va ad aggiungersi uno spread;
  • Tasso Variabile BCE, che è indicizzato al Tasso Ufficiale di Riferimento BCE a cui va ad aggiungersi uno spread.

Lo spread che viene aggiunto ai parametri di riferimento cambia in base alla durata, alla finalità ed alla percentuale del valore dell’immobile che viene concessa; per quanto riguarda i mutui ING Direct a tasso variabile Euribor per l’acquisto della prima casa, gli spread applicati sono i seguenti:

  • durata di 10 anni → 1,40% (LTV fino al 50%), 1,45% (LTV tra 50% e 70%), 1,50% (LTV tra 70% e 80%), 2,25% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 11/15 anni → 1,40% (LTV fino al 50%), 1,45% (LTV tra 50% e 70%), 1,50% (LTV tra 70% e 80%), 2,25% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 16/20 anni → 1,50% (LTV fino al 50%), 1,55% (LTV tra 50% e 70%), 1,50% (LTV tra 70% e 80%), 2,25% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 21/25 anni → 1,50% (LTV fino al 50%), 1,55% (LTV tra 50% e 70%), 1,60% (LTV tra 70% e 80%), 2,25% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 26/30 anni → 1,55% (LTV fino al 50%), 1,60% (LTV tra 50% e 70%), 1,65% (LTV tra 70% e 80%), 2,30% (LTV tra 80% e 95%).

Per quanto invece riguarda il mutuo a tasso fisso, gli spread sono pari a:

  • durata di 10 anni → 1,20% (LTV fino al 50%), 1,30% (LTV tra 50% e 70%), 1,35% (LTV tra 70% e 80%), 2,00% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 11/15 anni → 1,15% (LTV fino al 50%), 1,25% (LTV tra 50% e 70%), 1,30% (LTV tra 70% e 80%), 2,10% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 16/20 anni → 1,25% (LTV fino al 50%), 1,30% (LTV tra 50% e 70%), 1,40% (LTV tra 70% e 80%), 2,20% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 21/25 anni → 1,50% (LTV fino al 50%), 1,55% (LTV tra 50% e 70%), 1,60% (LTV tra 70% e 80%), 2,30% (LTV tra 80% e 95%);
  • durata di 26/30 anni → 1,60% (LTV fino al 50%), 1,70% (LTV tra 50% e 70%), 1,75% (LTV tra 70% e 80%), 2,40% (LTV tra 80% e 95%).

>>> CLICCA QUI per simulare il costo del tuo mutuo online, in pochi secondi <<<